| < Sierpień 2017 > |
Pn Wt Śr Cz Pt So N
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
statystyka Artykuły Najlepsze Blogi
wtorek, 22 stycznia 2008
 
 
MARTEDI’ 22 GENNAIO 2008 ORE 19.00
1/9 unosunove arte contemporanea
PRESENTA LA MOSTRA

ANDRZEJ TOBIS
A-Z (Educational Cabinets)


1/9 unosunove arte contemporanea è lieta di annunciare la prima mostra personale a Roma dell’artista polacco Andrzej Tobis che presenterà negli spazi di Palazzo Santacroce il progetto “A-Z (Educational Cabinets)”. Questa straordinaria raccolta di 150 immagini, la cui prima presentazione è attualmente in corso presso la galleria Kronika, centro per l’arte contemporanea situato nel cuore della città industriale di Bytom, Silesia, (www.kronika.org.pl), ha suscitato uno straordinario interesse tanto da essere stata scelta come evento espositivo principale nell’ambito delle attività svolte presso l’Istituto di cultura Polacco a Berlino in occasione della 5° Biennale che sarà
inaugurata ad Aprile 2008.

L’artista ricostruisce attraverso le immagini un dizionario illustrato polacco-tedesco edito a Leipzing nel 1954 (Blidworterbuch Deutsch und Polnisch). Con il progetto di Andrzej Tobis il lessico della Germania comunista torna in uso ma posto in un contesto moderno, ciascuna parola o frase è illustrata con una fotografia della Polonia contemporanea. “…ho trovato questo libro affascinante. Questa rappresentazione oggettiva del mondo intero, era infatti uno strumento usato per creare una realtà falsa. Semplicemente propaganda politica, qualche volta divertente (da un punto di vista
attuale), altre volte impressionante. È vero, ci sono molti termini ideologicamente neutrali. È un grande mix. Così ho deciso di iniziare il progetto, provando ad usare parole e frasi da un dizionario di 50 anni fa accostandole ad immagini della Polonia dei giorni nostri e viceversa, provare ad adattare immagini attuali a parole prese dal vecchio dizionario.” (AndrzejTobis)

Nessuna delle immagini è stata pre-elaborata o alterata in digitale e ciascuno dei lemmi illustrati è presentato in una cornice didattica la cui forma è ispirata dai box in uso in tutte le istituzioni pubbliche della Polonia comunista come scuole, centri d’addestramento, ospedali e uffici. I 150 lavori esposti formano solo la prima parte di un progetto che continuerà ad essere sviluppato nel tempo fino a raccogliere 300 immagini che verranno pubblicate sotto forma di un vero e proprio dizionario illustrato. Andrzej Tobis è nato nel 1970 a Wielun, Polonia. Diplomatosi nel 1995 presso
l’Accademia di Belle Arti di Cracovia, dove ha lavorato fino al 1996 come assistente al dipartimento generale di educazione artistica, nel 2001 ha ricevuto la qualifica di primo grado nella Facoltà di pittura all’Accademia di Belle Arti di Cracovia ed oggi dirige il workshop di pittura all’Accademia di Belle Arti di Katowice. La mostra è realizzata in collaborazione con l’Istituto Polacco di Roma.

La mostra proseguirà fino al giorno 23 febbraio 2008.

La galleria 1/9 unosunove arte contemporanea osserverà i seguenti orari di apertura:
Martedì – Venerdì dalle 10.00 alle 20.00
Sabato dalle 12.00 alle 20.00

Per ulteriori informazioni contattare la galleria:

La galleria 1/9 unosunove arte contemporanea
Via degli Specchi 20
00186 Roma


Tel. +39 06 97613696
Fax +39 06 97613810
gallery@unosunove.com
www.unosunove.com
22:11, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »
piątek, 18 stycznia 2008

 
   


nell’ambito del progetto
TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma #1

 

Inaugurazione lunedì 21 gennaio 2008 ore 18.30


 

Lunedì 21 gennaio 2008 alle ore 18.30, l'Istituto Polacco di Roma presenta a Palazzo Blumenstihl in via Vittoria Colonna 1 e nella sede distaccata di via dei Prefetti 46 la mostra BUNKER D'ARTE Collezione della Galleria d'Arte Contemporanea Bunkier Sztuki di Cracovia, a cura di Beata Nowacka-Kardzis e Ania Jagiello.


La mostra è primo appuntamento del progetto TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma. A partire dagli anni Novanta la Galleria Bunker d’Arte di Cracovia è uno dei centri più influenti sulla scena artistica polacca. Un forum per i nuovi media che si distingue per un programma espositivo impegnativo e coraggioso. La sua collezione è la cronaca delle questioni fondamentali relative all’arte polacca degli ultimi anni e raccoglie il lavoro di molti protagonisti di questo sviluppo.


L’esposizione italiana è la prima presentazione della Collezione del Bunker d’Arte al di fuori dei confini nazionali e si concentra sul lavoro di sedici artisti. Tra i più anziani Jozef Robakowski, pioniere della videoarte in Polonia, Krzysztof Wodiczko, noto per le sue proiezioni pubbliche realizzate in tutto il mondo, e Marek Sobczyk, tra i fondatori del Gruppa, i “nuovi selvaggi” della pittura polacca. La generazione di mezzo è rappresentata da artisti quali Lukasz Skapski, il cui lavoro unisce concettualismo ed estetica minimalista, Marta Deskur e Katarzyna Gorna, praticano entrambe la fotografia e il video, Jadwiga Sawicka, autore di quadri parsimoniosi, freddi e intellettuali, Piotr Lutynski, pittore incredibilmente impulsivo, sensitivo e sensuale e Wael Shawky, creatore di installazioni e film. La scena artistica recente ha posto alla ribalta personalità quali Oskar Dawicki, performer, autore di film e installazioni, Wilhelm Sasnal, Rafał Bujnowski e Marcin Maciejowski, impegnati principalmente in ambito pittorico: un tempo lavoravano insieme nel Grupa Ładnie, ora, singolarmente, ottengono riconoscimenti e lodi internazionali. Tra le giovani “scoperte” della scena cracoviana, accompagnate e sostenute fin dagli esordi dal Bunker d’Arte, Janek Simon, Karolina Kowalska e Malgorzata Markiewicz.


TRANSFERT Gallerie Polacche a Roma
un progetto a cura di Ania Jagiello promosso dall'Istituto Polacco di Roma

TRANSFERT è un progetto dell'Istituto Polacco di Roma, a cura di Ania Jagiello, che intende promuovere in Italia la conoscenza dell’arte contemporanea polacca attraverso un programma di sei mostre - ospitate su due sedi, Palazzo Blumenstihl in via Vittoria Colonna 1 e gli spazi di via dei Prefetti 46 - realizzate in collaborazione con alcune tra le più autorevoli gallerie e istituzioni della Polonia.


TRANSFERT intende mostrare l’arte polacca attraverso il prisma dell’attività di quei centri artistici che si distinguono sul territorio sia per l’intensa attività espositiva che per la qualità della loro ricerca (produzione di eventi, pubblicazione di riviste d’arte, sviluppo di programmi di residenza d’artista, conferenze, convegni, dibattiti, concerti, proiezioni filmiche). Questo scambio ha inoltre il proposito di presentare in Italia, in un momento di profondo interesse per il dibattito sul funzionamento delle gallerie pubbliche e private, la natura delle relazioni che sostengono il dinamico sistema dell'arte polacca.


TRANSFERT prevede la collaborazione per il 2008 con il Bunker d’Arte di Cracovia, la Galleria Entropia di Breslavia, la Galleria Raster, il Centro d'Arte Contemporanea Castello Ujazdowski, la Galleria Nazionale d'Arte Zacheta e la Fondazione della Galleria Foksal di Varsavia, ancora oggi il principale centro della vita artistica del paese.

Ogni tappa del progetto TRANSFERT è inoltre accompagnata da un catalogo in versione italiana della mostra progettato dall'artista Kuba Bakowski. Il materiale prodotto resterà quale strumento di documentazione della scena artistica polacca dalla seconda metà del XX secolo ad oggi.

_______________
BUNKER D'ARTE
COLLEZIONE DELLA GALLERIA D'ARTE CONTEMPORANEA
BUNKIER SZTUKI DI CRACOVIA 
21 gennaio - 29 febbraio 2008

ISTITUTO POLACCO DI ROMA


 
VIA VITTORIA COLONNA 1
00193 Roma

tel +39 06 36000723 fax +39 06 36000721
segreteria@istitutopolacco.it
www.istitutopolacco.it
lunedì - venerdì, ore 14.00 - 18.00
chiuso sabato e festivi
ingresso libero

 VIA DEI PREFETTI 46
00186 Roma
tel +39 06 68805610 fax +39 06 68307465
martedì - venerdì, ore 16.00 - 19.00
chiuso lunedì e festivi
ingresso libero

ufficio stampa | Alan Santarelli
348 4153676 |
alan.santarelli@gmail.com

 

22:57, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »
wtorek, 15 stycznia 2008

zarząd obraduje

Zarząd obradował, a jakiś kurczak żółty się wtrącał...

 

dzieci rysujące przy stole

Dzieci zajmowały się swoimi sprawami (między nie zaplątał się też jakiś duży "dzieć")

 

robert przyrządza herbatę

Robert dzelnie zalewał (herbatę)

 

panie prezes przemawia, wszyscy słuchają

Pani Prezydent pokazuje, że trzyma nas wszystkich w garści!

 

zagadani i zasłuchani

Uwaga skupiona na dyskursie "Wice"

 

rozmowy w parach

A na koniec chwila na pogawędki

20:39, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »

Postanowione! Dnia 27-go stycznia (niedziela) o godzinie 16 oo odbędzie się karnawałowy bal przebierańców dla dzieci (i dorosłych) zwany popularnie "zabawą choinkową". Zapraszamy wszystkch chętnych. Miejsce: Olbia, via Angioj, Mensa Sociale Vincenziana. (pierwsza w lewo schodząc od Piazza Regina Margherita ulicą Porto Romano)Ponieważ nie mamy na razie żadnych rezerw finansowych, ani w ogóle żadnych pieniążków w kasie stowarzyszenia (nie tylko "rezerw" :), więc uznaliśmu za usprawiedliwione pobranie opłaty w wysokości 5 euro od dziecka. W ramach tych 5-ciu euro każde dziecko otrzyma paczkę oraz zapewnimy poczęstunek. W trakcie balu będą miały miejsce również różnorakie konkursy z nagrodami (między innymi na najpiękniejsze/najoryginalniejsze/najśmieszniejsze przebranie) i zabawy.Koniecznie prosimy o potwierdzenie uczestnictwa (prosimy podać ilość osób, w tym dzieci) do przyszłej soboty, tj. 19-go stycznia. Można to zrobić dopisując się pod spodem do komentarzy lub na adres: polonia-sardynia@gazeta.pl  Opłatę można uiścić u skarbnika (Kamila) w dniu balu.w imieniu Zarządu, Renata

20:07, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »

Drodzy Rodacy, tacy i owacy! (żeby za poważnie tu nie było! ;)Dziś odbyło się pierwsze walne zgromadzenie naszego stowarzyszenia. No, cóż trzeba przyznać, że z frekfencją nie najlepiej, ale jak to się mówi na Sardynii: "mało ludzi wielkiego ducha zabawy budzi" (a dosłownie: "poca gente, grande festa"). Wszystkiego było nas jedenaście osób, plus czworo dzieci i jeden tata, którego chyba można jednak do dzieci zaliczyć (bo z nimi siedział i kolorował kolorowanki).  Do tych, których nie było: żałujcie, sami zjedliśmy wszystkie ciasteczka, o!Tak naprawde zajmowaliśmy się też rzeczami poważniejszymi, niż wcinanie ciasteczek. Na przykład zapoznaliśmy się ze sobą oraz ze statuem stowarzyszenia. Są wśród nas: nauczyciel akademicki, kucharka, barmanka, lekarka, nauczycielki, przedszkolanka, aptekarka, muzyk, przewodnik turystyczny, artystka plastyczka. Słowem niezła banda.Ponieważ na każdym zebraniu tak jest, ze ktoś musi zacząć pierwszy, więc pierwszy zaczął Prezes, a dokładniej Prezeska (Brygida), która zrobiła "najtrudniejszy pierwszy krok", a potem już poszło jak z płatka.Podyskutowaliśmy o planach na najbliższą (i nieco dalszą) przyszłość. Mamy zamiar zorganizować:

  • bal przebierańców dla dzieci (i dorosłych)
  • święcenie święconek na Wielkanoc i konkurs na najładniejszą święconkę
  • majówkę (lub kwietniówkę lub czerwcówkę lub jakąś inną -ówkę, byle pasowało jak największej liczbie osób)
  • zabawy i gry "polowe" dla dzieci i dorosłych (typu: podchody, szukanie skarbu itp.)
  • akcję "sprzątanie okolicy" w ramach ogólnoglobalnej akcji "Sprzątanie Świata" (wrzesień)
  • konkursy plastyczne, fotograficzne i literackie dla dzieci i dorosłych
  • spotkania kulinarne "kuchnia polska"
  • dzień filmu polskiego, dzień muzyki polskiej
  • dzień mamy, dzień taty
  • koncert kolęd, opłatek
  • jasełka w wykonaniu dzieci
  • "szkółka polska" (zjaęcia plastyczne, muzyczne, ruchowe, nauka pisania i czytania po polsku, poznawanie literatury polskiej itp.)

To ile z tych założeń uda nam się wcielić w życie zależy wyłącznie od naszego zaangażowania, więc do pracy rodacy! Dajcie znać znajomym, znajomym znajomych itd. Dla wszystkich drzwi otwarte.Wkrótce zamieścimy zdjęcia ze spotkania oraz przedstawimy Zarząd (który nie jest od rządzenia, lecz od koordynatowania działań i wprowadzania pomysłów w życie).Serdecznie pozdrawiamy wszystkich Polaków na Sardynii, wszystkich Sardyńczyków w Polsce i odwrotnie: wszystkich Sardyńczyków w Polsce i wszystkich Polaków na Sardynii i w ogóle wszystkich, którzy to czytają.w imieniu Zarządu, Renata

20:04, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »

W imieniu założycieli witam serdecznie na stronie blogowej "L'associazione culturale italo-polacca". Informuję również, iż dnia 13-go stycznia 2008 roku, tj. w najbliższą niedzielę o godzinie 17,00 w Mensa Vincenziana, via Angioj, Olbia ( od piazza Margherita, w dół ulicą Porto Romano- w stronę torów kolejowych- i pierwsza w lewo-na wysokości optyka) odbędzie się pierwsze walne zgromadzenie stowarzyszenia (assemblea generale), na którą zapraszamy (my, czyli założycielki) wszystkich zainteresowanych działalnością w bądź przynależnością do stowarzyszenia. (bardzo mile widziani nie-Polacy, spróbujcie przekonać swoich włoskich mężów lub żony, przyjaciół, znajomych) Podczas zgromadzenia omówienie celów stowarzyszenia, najbliższych planów i możliwość zapisów.

Pozdrawiam serdecznie wszystkie polskie sardynki!

Renata

20:01, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »

 

 STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALO-POLACCA  

Articolo 1 

L’associazione  culturale italo-polacca con sede a Olbia è costituita a tempo indeterminato. L’associazione è finalizzata all’utilità sociale con indirizzo culturale, non persegue scopi di lucro ed è apolitica. In diretta attuazione agli scopi sociali, l’Associazione potrà effettuare attività di natura commerciale, nel rispetto della normativa vigente in materia, compresa la gestione di bar e ritrovi sociali.   

Articolo 2 

L’associazione si propone:

1.       Di promuovere e organizzare manifestazioni pubbliche, convegni di studio, conferenze, spettacoli, concerti, mostre, scambi ed ogni altra attività culturale, ricreativa e del tempo libero che di volta in volta si dimostrerà opportuna.

2.       Di attivare rapporti e sottoscrivere convenzioni con soggetti publici o privati per gestire spazi da destinare ad attività sociale.

3.       Di sviluppare i sentimenti di solidarietà e di fratellanza tra gli associati.

4.       Di promuovere la stampa e la diffusione di pubblicazioni di carattere culturale, anche con impiego di moderne tecnologie informatiche (internet, radio, televisione etc.).

5.       Di aggregarsi o affilarsi ad altri enti e organizzazioni, nazionali e internazionali, che abbiano finalità analoghe o complementari.

6.       Di favorire, nella prospettiva di un’Europa sempre più unita, l’approfondimento e lo sviluppo in ogni campo delle relazioni fra Polonia e Italia.

7.       Di diffondere in Italia, in particolar modo in Sardegna, la conoscenza del patrimonio storico-culturale polacco favorendo una partecipazione sempre più viva e consapevole dei Polacchi alla vita socio-culturale ed economica del mondo italiano. 

Articolo 3 

Possono entrare a far parte dell’Associazione come soci:

1.       Le persone di nazionalità o di ascendenza polacca, indipendentemente dalla loro cittadinanza e religione, nonché tutti i loro congiunti;

2.       Tutte le persone di altre nazionalità che si sentono vicine e legate alla Polonia da sentimenti di simpatia o amicizia.  

Articolo 4 

L’aspirante associato dovrà presentare domanda scritta al Consiglio Direttivo specificando nome, cognome, luogo e data di nascita, domicilio e cittadinanza;  si impegnerà formalmente a osservare le norme del presente Statuto. L’iscrizione all’Associazione è subordinata all’approvazione del Consiglio Direttivo.Il Consiglio Direttivo decide insindacabilmente sulle domande di ammissione dandone comunicazione scritta all’interessato entro quindici giorni dalla delibera. I minorenni insieme con la domanda dovranno presentare il permesso sottoscritto da almeno un genitore. Il diritto al voto hanno soltanto i minnorenni magiori di 12 anni.

Articolo 5 

In rapporto alle modalità di ammissione i soci si distinguono in: a.  Soci fondatorib.  Soci ordinaric.  Soci onorari 

Articolo 6 

Tutti gli iscritti corrispondono all’Associazione la loro quota sociale annua nella misura che verrà stabilita dall’Assemblea Generale.Decadono dallo status di Soci coloro che non hanno rinnovato la propria quota sociale per motivi ingiustificati, nonché coloro che venissero espulsi per gravi motivi disciplinari. 

Articolo 7 

Il patrimonio dell’Associazione è costituito:a.  dalle quote annuali e dai contributi straordinari degli associati;b.  dai contributi di privati, di Enti e altre organizzazioni, da eventuali donazioni e introiti vari. 

Articolo 8 

Gli organi dell’Associazione sono:

1.       l’Assemblea Generale

2.       il Consiglio Direttivo

3.       il Presidente

4.       il VicePresidente

5.       il Segretario

6.       il Collegio dei Revisori 

Articolo 9 

L’Assemblea Generale, ordinaria e straordinaria, è costituita da tutti i Soci che sono in regola con il pagamento della quota annuale.
L’Assemblea determina l’indirizzo generale dell’Associazione e procede all’elezione del Consiglio Direttivo. 

Articolo 10 

L’Assemblea Generale Ordinaria è convocata dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice Presidente una volta all’anno entro il primo trimestre. L’Assemblea Generale Straordinaria è convocata dal Consiglio Direttivo ogniqualvolta il Consiglio stesso lo riterrá opportuno o su richiesta, scritta e motivata, di almeno la metà degli associati.    

19:59, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »

 

Articolo 11 

L’Assemblea è costituita dagli associati ammessi da almeno tre mesi ed in regola con il pagamento dei contributi. Il voto è attribuito ai singoli soci.  

Articolo 12 

L’Assemblea Generale delibera in prima convocazione con la presenza di almeno la metà più uno degli associati, in persona o per delega, ed a maggioranza semplice dei presenti. In seconda convocazione, l’Assemblea è validamente costituita con qualsiasi numero di presenti, in persona o per delega, e delibera in maggioranza semplice. La seconda convocazione è consentita dopo un’ora dalla prima convocazione. Ogni associato rappresenta un voto e non può disporre di più di una delega. 

Articolo 13 

Il Consiglio Direttivo, eletto dall’Assemblea Generale, è composto da un minimo di quattro fino a un massimo di otto persone è rimane in carica per due anni. Viene convocato dal Presidente almeno una volta ogni tre mesi.  

Articolo 14

Il Consiglio Direttivo elegge tra i suoi membri:

1.       il Presidente

2.       il Vice Presidente

3.       il Segretario

4.       i  Consiglieri 

Articolo 15 

Il Consiglio Direttivo ha il compito di proporre e di coordinare l’attività dell’Associazione, di proporre all’Assemblea Generale la quota annua dovuta dagli associati, di redigere il bilancio preventivo e consuntivo. 

 Articolo 16 

Il Consiglio Direttivo delibera validamente con la presenza di almeno la metà più uno dei sui componenti, senza distinzione e a maggioranza semplice. In caso di parità prevale il voto del Presidente. I componenti del Consiglio che, senza giustificato motivo, non prendono parte a tre riunioni consecutivi si considerano decaduti dal mandato e vengono sostituiti con altri membri dell’Associazione scelti dal Presidente qualora non si raggiunga il numero minimo di quattro membri. 

Articolo 17 

Il Consiglio Direttivo pone in atto le proprie deliberazioni, convoca l’Assemblea Generale, prepara il progetto di bilancio da presentare all’approvazione dell’Assemblea Generale. Inoltre, in caso di urgente necessità, può prendere delle decisioni che siano comunque conformi agli scopi dell’Associazione precisati nell’articolo 2 del presente statuto. Per tali decisioni saranno necessari i voti della maggioranza semplice del Consiglio Direttivo.  

Articolo 18 

Il Presidente rappresenta l’Associazione sia dal punto di vista legale che amministrativo. In caso di assenza viene sostituito dal Vice Presidente o da un membro del Consiglio Direttivo da lui designato.   

Articolo 19 

Il Collegio dei Revisori, in numero di tre, è nominato dall’Assemblea. Esso controlla e verifica le strutture contabili, il libro degli associati, il bilancio consuntivo e presenta all’Assemblea Ordinaria la sua relazione annuale. Rimane in carica 2 anni.  

Articolo 20 

L’Assemblea Generale nomina un Collegio Conciliare composto da tre membri con il compito di dirimere ogni controversia che possa insorgere tra i singoli membri dell’Associazione o tra gli organi dell’Associazione stessa.La decisione del Collegio Conciliare è inappellabile. Il collegio Conciliare rimane in carica 2 anni. 

Articolo 21 

Eventuali modifiche del presente Statuto dovranno essere proposte all’Assemblea Generale dal Consiglio Direttivo o da un numero di associati non inferiore a un terzo ed essere rese note a tempo debito con una relazione motivata. Su ogni proposta delibera un’Assemblea composta dalla metà più uno degli associati, tanto in prima quanto in seconda convocazione. La proposta deve essere approvata con la maggioranza semplice dei voti. Il Consiglio Direttivo risponde dell’inserimento formale delle modifiche dello Statuto. 

Articolo 22 

L’Associazione può sciogliersi su deliberazione dell’Assemblea Generale degli associati. Tale decisione sarà valida se verrà presa con la presenza di almeno due terzi degli associati, tanto in prima quanto in seconda convocazione.In caso di scioglimento l’Assemblea nomina i liquidatori decidendo sui loro poteri.I fondi rimanenti all’atto della liquidazione saranno da destinare ad opere di beneficenza polacche.

19:49, polonia-sardynia , polonia sardyńska
Link Dodaj komentarz »
1 ... 31 , 32 , 33